Mutant La Sportiva e due anni di sassi e non solo

Ho aperto Facebook questa mattina e mi sono accorto dai ricordi che oggi le mie amatissime “Mutant La Sportiva” compiono due anni.

In questo periodo abbiamo visto un sacco di paesaggi ed abbiamo vissuto esperienze uniche assieme. Mi hanno anche accompagnato nei primi 48Km della LUT lo scorso anno. A dire il vero le avrei tenute anche per i restanti 70, ma la situazione non è andata come da programma.

Lo scorso Luglio le ho fatte risuolare dalla ZM Custom Shoes e per quanto impensabile la scarpa è migliorata ancora di più rispetto la versione originale. (Mutant: Ready for GTO)

Adesso sono in fermo per una questione tecnica da risolvere, ma non vedo l’ora di portarle nella neve il prossimo inverno.

Un grazie a “Perico Sport” (Nembro – BG) per l’acquisto da lui in negozio dopo un consulto veramente professionale.

Buon compleanno piccoline ^^

Challenger ATR 3: nuove Hoka One One per sassi

Ed eccole qua, le mie nuovissime Challenger ATR 3 by Hoka One One. Finalmente una scarpa nuova per gli allenamenti collinari tra boschi, collinari misti (con asfalto minimo)  o trail molto veloci e corribili.

Dopo quasi dodici mesi le Challenger ATR 2 sono distrutte e quindi dovendole cambiare la decisione di effettuare l’upgrade alla nuova versione è stata immediata. Non l’ho ancora battezzata e questo mi spiace, ma al momento è meglio riposare un attimo.

Sono molto curioso di vedere come mi troverò con le Challenger ATR 3 a primo impatto e dopo. Con le Challenger ATR 2 non mi ero trovato subito bene, ma col passare dei sassi è scoccata la scintilla.

Lasciatemi nutrire le Challenger ATR 3 con radici, terra, sterrato e sassi per qualche settimana e poi seguirà una recensione per voi.

Per maggiori informazioni: Challenger ATR3

Monte Cimiero ed i suoi sassi sotto la prima neve del 2017

Non mettevo piede al Monte Cimiero dal 31 Dicembre durante l’ultimo TA del 2016. (=Ultimo Tramonto, la luna e la frontale sul CAI317)

A dire tutta la verità non ho più fatto Trail o Montagna da quella data. Sono stati quindi giorni veramente difficili e l’astinenza si è sentita. Purtroppo ho dovuto restare a terra per diversi motivi.

Questa mattina -invece- sono tornato sui sentieri complice anche la prima neve dell’anno. Non ero mai stato al Monte Cimiero con la neve. E’ stato veramente emozionante anche se più impegnativo rispetto al solito.

Ed ora? Mi riposo e penso al prossimo allenamento che avverrà molto presto 🙂

Sassi e quella strana voglia che …

Sassi e quella strana voglia che ti prende in un venerdì mattina come tanti. Quella voglia che però resta un desiderio appeso da segnare nei sospesi. Quella voglia che non ci si può togliere di dosso. Andiamo per ordine per riuscire a capirmi meglio. E’ una settimana che non mi sento al top della forma. Leggi di piùSassi e quella strana voglia che …[…]

[Riflessione] Tartarughe assassine, ragni colorosi ed a seguire . . .

Caro diario … Certo che non finirò mai di stupirmi della mente umana! In questo caso parlo della mia. Andiamo per passi, così capite tutti. Questa notte (che poi era mattina) stavo facendo un bel sogno divertente: Una flotta di tartarughe con il classico gonnellino delle isole oceaniche avevano intenzioni assassine per la conquista del Leggi di più[Riflessione] Tartarughe assassine, ragni colorosi ed a seguire . . .[…]

Orobie Ultra Trail 2017 & l’arco di partenza

Mancano davvero pochissimi giorni al via della manifestazione “Orobie Ultra Trail 2017” ed onestamente non so dire come mi sento. Il mio “chissà  se…” dello scorso anno (Pensieri silenziosi e meditazioni in tutto rispetto) si è trasformato in un fare nulla. Non ho passato un ultimo anno facile e sinceramente anche optare per il GTO era un vero azzardo tendente al suicidio.

Razionalmente so come sono andate le cose. Emotivamente so come non sono andate. Come lo scorso anno il mio posto sul muretto del mugugno fissando l’arco di partenza l’ho trovato anche questa sera. Ho pensato e ripensato a parecchie cose e so che alla fine quello è “solamente un arco” per chi lo vede da fuori. Per chi invece conosce il mondo del trail e/o dell’Orobie Ultra Trail sa cosa significa passare lì sotto venerdì mattina.  Lo scorso anno in un modo e quest’anno in un altro. Lo continuo a fissare dal mio angolino sul muretto del mugugno dove i pensieri vanno via liberamente.

Ricordo benissimo quella domenica mattina dai “Presagi, la montagna e gli incontri non casuali” e quello che ho pensato e provato. Mi ha fatto sorridere aprendo Facebook il primo post che ho letto. Io in piazza dell’Orologio a Clusone e “lui” in piazza vecchia a bergamo. Ironia? Coincidenza?

Intanto è meglio stare coi piedi per terra e non sui sassi!

[Foto scattata Mercoledì 26 Luglio 2017 – 21:45]

Bushido e quel vago ritorno di fiamma che …

Ieri -dopo diverso tempo- ho riportato sui sentieri Orobici le mie Bushido. Era da parecchio tempo che non vedevano più la luce del sole e questo mi spiace parecchio. L’emozione di rimetterci il piede dentro è sempre forte conoscendo bene la scarpa ed il suo valore sul campo.  Una scarpa che davvero vi consiglio per via della sua stabilità anche nelle condizioni non da manuale anche in discesa. Essermi dedicato alla lunga distanza mi ha portato a trascurarla, ma ora vedrò di porre rimedio sino a stancarla.

La scena “epica” di ieri è stata a fine allenamento quando mi hanno detto (o meglio fatto capire): Come è possibile che ti butti giù tra pietre e sassi come un irresponsabile e saltando come un deficiente a destra e sinistra del sentiero e poi scivoli da fermo?

Gran bella domanda, ma credo di conoscere la risposta e basta girare la scarpa e vedere la suola sotto.

Link utili: Bushido @ Amazon

 

Hoka Challenger ATR 3: Recensione a tutto sentiero

Il mio recente acquisto delle Hoka Challenger ATR 3 non è un segreto e lo avevo dichiarato in un precedente post (=Challenger ATR 3: nuove Hoka One One per sassi) ma avevo frenato l’entusiasmo per via del poco utilizzo. A distanza di qualche settimana con dei chilometri percorsi posso pensare di sbilanciarmi. Abbiamo visto sassi, Leggi di piùHoka Challenger ATR 3: Recensione a tutto sentiero[…]

La discesa a cinghiale ed i pessimi istinti che mancavano

Ricordo il concetto di “discesa a cinghiale” ed il momento in cui è entrato nella mia vita. Volevo migliorare in discesa e così ho cominciato a cercare in rete. La mia tecnica era scarsa e stavo preparando la Lavaredo Ultra Trail. Ogni informazione utile a migliorare e non farsi male era perfetta e ben gradita. Leggi di piùLa discesa a cinghiale ed i pessimi istinti che mancavano[…]

Quel “resoconto da chiedere” che ancora scotta dopo 365 giorni

Ricordo benissimo quell’allenamento come se fosse ieri. Non ricordavo la data esatta, ma quello che ha segnato dentro di me si. Questa mattina è arrivato il buon Mark Zuckerberg: … e chiudiamo il mese di Marzo con un allenamento per boschi tra sassi, radici, pioggia e quella maledetta pietra liscia! Il resoconto chiedetelo alle SpeedCross3 Leggi di piùQuel “resoconto da chiedere” che ancora scotta dopo 365 giorni[…]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi