Pedalare in un mix di nostalgia, ricordi ed emozioni

Pedalare: verbo sconosciuto risalente a fine settembre del 2015 terminata la frazione ciclistica all’Elbaman73 ([Triathlon] ElbaMan 73 – 2015)

Questo pomeriggio sono tornato in sella da quella data e devo dire che non mi posso lamentare più di tanto. Ho fatto pochissimo, ma con l’idea di vedere se montare o meno le rotelline.

Non mi posso lamentare a dirla tutta. In salita le gambe andavano, in discesa sono impedito come sempre ed in pianura (o falsi piani) riuscivo a stare comodo in TT e spingere.

Ciao, mi chiamo Andrea e non pedalo da settembre
Ecco una timida ripresa per capire il tutto

Domani è un altro giorno, ho già un’idea in mente e sarà a piedi.

Nostalgia e voglia di … Blum

Lui è sempre stato li ed io sono sempre stato qui.

Non ci vedevamo da tempo.

Un tempo troppo ampio che ti segna.

La voglia di tornare a respirarti – caro Blum – era davvero tanta.

La voglia di sentirti sulla pelle era tanta.

Forse non così tanta da vantare due slittate ed una caduta

Emozioni che non smettono di sentirsi dentro e continuano a scuoterti.

Emozioni che creano “dipendenza” ed una volta vissute non riesci più a farne a meno.

Ho voglia di rivederti, viverti e respirarti di nuovo e spero il più presto possibile.

Non dispero, non disperare

La soluzione la troviamo ^^

Foto fatta in data 17 Luglio 2016 durante la salita al Blum in allenamento

[Nuoto] Nostalgia acquatica

Ieri, dopo parecchio tempo, era il primo martedì senza il corso di nuoto. Arrivato a casa dal lavoro mi sentivo stravo. Era come se il mio corpo richiedesse acqua in cui nuotare, come se fosse in corso una mutazione. Ho preso il cellulare ed ho mandato un sms alla ragazza con cui facevo il corso Leggi di più[Nuoto] Nostalgia acquatica[…]

Ironman Lanzarote e simulazione di morte tecnica

Ironman Lanzarote 2014 ed il fatidico “The day before” quando stavano allestendo la zona cambio.

Una foto fatta dal mio amico e compagno di avventura “Socio K” per immortalare uno dei miei ultimi momenti da vivo.

L’ho pubblicata su Facebook col titolo “… prove di morte tecnica sul campo … io domani muoro” sapendo esattamente (=molto a spanne) quello che mi attendeva il giorno dopo durante la grande battaglia.

Una delle mie foto preferite ancora oggi in tutta onestà perché mi ricorda come stavo bene in quel periodo.

Ero ancora all’oscuro di tutto quello che il grande viaggio tanto sognato mi avrebbe lasciato dentro.

Nostalgia? Per dirla “all’Andrea” rispondo con bho!

Biglietto da Finisher: Il premio dell’Eremitica mi attende

Un “Biglietto da Finisher” ricevuto pochi metri dopo il traguardo. Un trail sofferto per via del meteo (=vedi Eremitica Trail Il clima detta legge) ma ricco di soddisfazioni.

Ho un sacco di ricordi di quella mattinata. Ricordi che quest’anno non potrò vivere. Una bellissima giornata decisa all’ultimo minuto per via delle iscrizioni chiuse ed una sorta di sorteggio fortunato a pochi giorni dalla manifestazione.

Ed ora? Questa mattina -quando ho aperto la sezione accadde oggi su facebook- ho visto l’immagine e mi è venuta la nostalgia.

Pizzo Formico ed un paesaggio colorato di neve

Il Pizzo Formico è stata una delle mie recenti scoperte dal punto di vista del Trail Running. Ho sempre visto la croce che regna sovrana dal basso della Valle Seriana, ma sempre dal basso.

La prima salita è stata con un clima terribile da non vedere il sentiero (=Pizzo Formico fu anche se ho visto pochissimo), la seconda in un giornata estiva di fine agosto e la terza domenica scorsa in un clima tra autunno ed inverno.

Sentieri da respirare ricoperti di foglie dai colori stupendi dell’autunno. Tra questi colori ogni tanto -spesso salendo di quota- si respirava il colore bianco della neve. Non era moltissima, ma quanto basta per farmi provare una nostalgia immensa di certi momenti dello scorso inverno e ripensare ad una foto che ho fatto in allenamento.

Pensieri assenti in quel momento dalla Croce. Respiravo il tutto a pieni polmoni e poi ci penserà la lunga discesa  (900D- circa) a farmi elaborare il tutto. Così è stato e sono davvero felice di avere vissuto questa nuova esperienza. A volte sembra tutto come un sogno, ma non lo è. Si tratta solo di qualche centinaio di metri di dislivello in più.  Non è stata una foto scelta a caso, come ancora meno la canzone che ho adesso in cuffia mentre scrivo.

Mi sarebbe piaciuto tornare in cima al Pizzo Formico ieri sera per via della Super Luna, ma impegni personali e più importanti mi hanno tenuto lontano.

Orme nella neve che presto si scioglieranno al sole

Orme nella neve. Le mie orme di una mutant che scava per cercare l’appoggio e lascia il segno.

Manca davvero poco alla chiesetta del Blum e quella discesa è stata emozionante davvero. Peccato che poi con l’avanzare delle ore il sole ha sciolto la neve e tutto è diventato più complicato.

Mi manca quel divertirmi tra monti e non vedo l’ora che torni la condizione e la neve. Si, vorrei una bella nevicata anche se siamo ad agosto. Problemi? 😉

Ho tanti pensieri e ricordi legati al Blum, tanti da sentirne la nostalgia quando non ci vediamo (Nostalgia e voglia di Blum)

Per maggiori informazioni su quella giornata ti basta leggere Trail innevato tra Blum, Cima Parè e Valzurio ( Fotografie )

226Km di emozioni da vivere ricordandole

226Km. Una distanza o meglio un “numero simbolo” per tutti coloro che fanno Triathlon ed hanno preso in considerazione -o anche solo guardato- la distanza Ironman. Si tratta della somma  dei 3.8Km di nuoto, dei 180Km in bici di  corsa ed infine i  42.2Km della Maratona. Un viaggio che ti lascia un segno incredibile dentro. Leggi di più226Km di emozioni da vivere ricordandole[…]

Running – Treviso Marathon 2015

… il tempo passa, la nostalgia della strada diventa troppo ed il mouse mi porta ad iscrivermi alla Treviso Marathon 2015! … la questione è molto semplice e si riassume in poche parole: sarà giunto il momento di andare a “saldare” quel conto aperto di una maratona storta? Un traguardo che mi ha sempre emozionato Leggi di piùRunning – Treviso Marathon 2015[…]

Klagenfurt 2012 – Il sogno diventa reale [flash]

Mentre i piedi sono sulla sabbia ed i miei occhi fissano le tre boe davanti a me nella mia mente regnava un solo pensiero: purtroppo so bene perchè sono qua oggi! Il tempo passava ed io restavo rilassato senza pensare alle 140.6 miglia davanti a me. Pensavo solo al perchè le avrei fatte oggi. Ascolto Leggi di piùKlagenfurt 2012 – Il sogno diventa reale [flash][…]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi