Bondi 4: la scarpa HOKA che mi ha cambiato la vita e la corsa

Ormai non è un segreto il mio rapporto di puro amore con la Hoka Bondi 4. Per capire quando è cominciata questa fantastica love story bisogna tornare a metà Marzo 2015. Esattamente Venerdì 20 Marzo quando all’Olimpique è arrivata la fornitura con le Bondi 4 che avevo prenotato. … e noi siamo pronti ad uscire a Leggi di piùBondi 4: la scarpa HOKA che mi ha cambiato la vita e la corsa[…]

Hoka Bondi4: correre con la suola autodistruttiva

Avete mai corso con una Hoka Bondi4 nella vostra vita da runner? Io si ed ormai sono giunto ad una conclusione: la suola si autodistrugge!

Questa è la suola del sesto paio di Hoka Bondi4 giunte a migliore vita.

Fortuna che il settimo paio tiene ancora botta anche se a dire il vero è “male” in quanto la mia attività da runner è praticamente nulla al momento.

Temo un cambio di brand a breve, giusto per della sana curiosità. Al momento ho in valutazione New Balance ed Asics. Chissà come andrà a finire e quale sarà la mia prossima scarpa. Purtroppo la sensazione che una Hoka regala ai tuoi piedi non si trova in altre scarpe, ma il cambio gomme attorno ai 450km mi pare molto eccessivo. Non voglio pensare quanto ho “donato” alla Hoka con questi sette paia dal 2015.

Hoka Clifton4: correre con la suola autodistruttiva

Guardavo la suola delle mie hoka clifton4 ed ho capito perché le “sentivo male” l’altro giorno (=vedi Pioggia e zero voglia: la media che non ti aspetti!). Possibile che le hokaoneone le distruggo a 400/450km ogni volta? Ma in fondo chissenefrega perché oggi le belle notizie non mancano! Le chat del sabato mattina via whatsapp sono davvero dannose. Grazie 😉

Nota importantissima: questa hoka clifton4 avrà sempre un posto speciale nel mio cuore in quanto mi ha portato al traguardo della ” Maratona di Crevalcore 2018: il nulla alla seconda! ” e la settimana dopo si è fatta l ” Ultramaratona della Pace sul Lamone 2018

Ovviamente questo post si “accoda” al suo fratello dal titolo Hoka Bondi4: correre con la suola autodistruttiva scritto la scorsa estate.

In cerca di “Hoka Clifton4“? Scopri l’offerta più adatta al tuo piede!

Hoka One One Bondi 5: giuro, non la capisco proprio!

Hoka One One Bondi 5: I primi Pensieri sparsi La  “Hoka One One Bondi 5” è entrata di recente nel mio parco scarpe dopo avere dismesso l’ultimo paio di Hoka One One Bondi 4. Quello che segue non sarà una vera e propria recensione in quanto non ho corso moltissimo in questi mesi.  Quello che Leggi di piùHoka One One Bondi 5: giuro, non la capisco proprio![…]

Base Vita Valbondione: Orobie Ultra Trail ed il podio annunciato

Base vita di Valbondione: Orobie Ultra Trail 2017

I miei tre scatti dei primi ad entrare nella base vita predisposta circa al 44° km di gara quando i partecipanti avevano davanti a loro altri 100km da affrontare.

I primi ad arrivare sono stati Andrea Macchi & Paolo Rossi, che poi si proclameranno vincitori dell’Orobie Ultra Trail 2017 a pari merito dopo una lunghissima gara corsa fianco a fianco.  La loro dichiarazione? “A 90 km dall’arrivo abbiamo deciso di vincere insieme” ed alla fine così è stato.

Il terzo ad entrare è stato Oliviero Bosatelli detto il Gigante. Sul podio ha mantenuto la stessa posizione.

Poco dopo di lui l’arrivo di Marco Zanchi, che purtroppo ha terminato la gara al Rifugio Brunone per problemi.

Dopo avere inseguito la gara nel corso di venerdì ho scritto un post di riflessione a tema “Rifugio Brunone: il lato oscuro dell’Orobie Ultra Trail 2017″

Zero Drop: la tentazione che potrebbe diventare realtà

Il concetto di “Zero Drop” lo conosco da anni e mi ha sempre affascinato. Non ci sono mai arrivato e sinceramente questo mi tormenta a livello interiore. La tentazione è stata forte a giugno provando le “Altra Running” che però non erano disponibili del mio numero. Anti Zero Drop: discesa dal 12 al 4 Quando ho Leggi di piùZero Drop: la tentazione che potrebbe diventare realtà[…]

Hoka Challenger ATR 3: Recensione a tutto sentiero

Il mio recente acquisto delle Hoka Challenger ATR 3 non è un segreto e lo avevo dichiarato in un precedente post (=Challenger ATR 3: nuove Hoka One One per sassi) ma avevo frenato l’entusiasmo per via del poco utilizzo. A distanza di qualche settimana con dei chilometri percorsi posso pensare di sbilanciarmi. Abbiamo visto sassi, Leggi di piùHoka Challenger ATR 3: Recensione a tutto sentiero[…]

Duecentodieci minuti di collinare – secondo giorno

Duecentodieci minuti di Collinare per il secondo giorno -sia sabato che domenica- per un totale di quasi 70Km come ultimo carico in vista della 100Km del Passatore. Quando venerdì ho guardato la tabella degli allenamenti stimavo di portare a casa nel weekend un numero di chilometri tra i settanta e gli ottanta. In tutta onestà sono Leggi di piùDuecentodieci minuti di collinare – secondo giorno[…]

Guardavo le mie scarpe

Guardavo le mie scarpe mentre il 910xt prendeva il segnale. Guardavo sotto le mie scarpe. Erano le mie Hoka Bondi 4 da strada. E sotto le mie scarpe era solo asfalto e tutto pianeggiante. Non sono più abituato a fare certi allenamenti. Sono stati cinquanta minuti di corsa come previsti dalla tabella allenamenti. Ho “perso” la gamba da stradista Leggi di piùGuardavo le mie scarpe[…]

Easteregg, Ambit3 e quel collinare forzato

Il mio easteregg è stato mettere Ambit3 ed andare a fare un collinare: soddisfazione unica ed inaspettata! In effetti non ci sono parole migliori per riassumere la mattinata di Pasqua 2017. Una corsa forse fuori programma con dei risvolti e sbagli inaspettati. Sono partito piano, tranquillo e le pretese erano al minimo storico. Poi qualcosa Leggi di piùEasteregg, Ambit3 e quel collinare forzato[…]