Zero Drop: la tentazione che potrebbe diventare realtà

Il concetto di “Zero Drop” lo conosco da anni e mi ha sempre affascinato. Non ci sono mai arrivato e sinceramente questo mi tormenta a livello interiore. La tentazione è stata forte a giugno provando le “Altra Running” che però non erano disponibili del mio numero.

Anti Zero Drop: discesa dal 12 al 4

Zero DropQuando ho cominciato a correre mi sono fatto “intortare” che la scarpa alta e gommosa era la salvezza del genere umano. Col passare del tempo (e soprattutto dei chilometri) ho capito che le prime scarpe con cui avevo corso non erano adatte a me. Ho cambiato marchio e per qualche anno ho usato sempre quello. Poi -per una serie di motivi fortuiti- ho cambiato marchio e sono sceso ad OTTO millimetri.

Correre con otto millimetri di drop? Lo ammetto, ero preoccupato di crearmi problemi e farmi male. Incredibilmente ho cominciato a correre meglio e sentire i polpacci molto meno stanchi.

Un giorno -ridendo e scherzando- una mia amica mi ha chiesto un parere sulla scarpa da correre e mi sono messo a cercarle qualcosa per darle consigli. Ho notato un paio classificato “Natural Running” con udite udite ben QUATTRO MILLIMETRI di drop. Le ho prese per usarle una volta ogni tanto. Non doveva essere una transazione, ma una tecnica di rinforzo. Ho detto “doveva” perché alla fine ho cominciato ad usarle anche per gli allenamenti lunghi dimenticando le altre scarpe.

In quel momento ho conosciuto il quattro millimetri. Non sono più riuscito a risalire perché mi sento davvero bene ed i miei polpacci lo possono confermare. Per mia fortuna  (o purtroppo per i puristi) la scarpa da 4 millimetri di cui mi sono innamorato è stata la “Bondi 4: la scarpa HOKA che mi ha cambiato la vita e la corsa” ed in loro compagnia ho conosciuto il mondo delle ultra.

Le Hoka -per quanto comode- hanno il difetto che fanno “addormentare” il piede e lo rendi poco reattivo. Mi accorgo della differenza ogni volta che metto delle scarpe da trail soprattutto se secche o consumate.

Zero Drop: l’ispirazione che non ti aspetti

Era un giorno di festa. Avevo corso la mattina ed ero comodo a casa come al solito scalzo. Per motivi che tralascio sono dovuto correre fuori e fare una sorta di inseguimento a piedi. Non sentire la (tanta) gomma sotto a cui sono abituato non mi ha fatto strano. Mi è sembrato normalissimo. Ho riflettuto e mi sono deciso. Questa sera ho preso i primi contatti per scendere a Zero Drop  e provare questa nuova esperienza. Sarà solo per rinforzare i muscoli oppure sarà una nuova svolta nella mia postura di corsa?

Zero Drop: Sinceramente?

Coi benefici muscolari del passaggio da 8 a 4 ci metto la firma subito. In caso contrario posso dire di averci provato ed eventualmente valutare altri modelli a quattro millimetri per rinforzare il tutto.

Da dove comincio? L’idea iniziale era quella di provare il “Zero Drop by Altra Running” però la pratica ha messo sulla strada altre opzioni che ora valuterò meglio.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi