Doccia post allenamento: questa eterna sconosciuta!

Doccia post allenamento: questa eterna sconosciutaPrima di cominciare il post vorrei dire una cosa molto ma molto semplice da comprendere: Io -personalmente- morirei senza la mia doccia post allenamento che reputo sacra, santa ed inviolabile.

Diciamoci la verità allo stato nudo e crudo. Arriva l’estate e per via del caldo sentiamo il bisogno di darci una rinfrescata come istinto di sopravvivenza.

In aggiunta a questo, noi runners (o sportivi in generale) ci vogliamo particolarmente male da andare ad allenarci con questo clima rovente.

Doccia Post Allenamento: il lato teorico …

Doccia post allenamento: TeoriaOra provo a spiegare in maniera molto semplice e per punti come dovrebbe funzionare il tutto dopo un allenamento o gara.

Questa sorta di scaletta vale per tutti i 365 giorni dell’anno e non solo per i mesi estivi.

Non vorrei mai e poi mai sentirmi dire che nei mesi restanti non bisogna lavarsi

  1. Allenamento o Gara terminata
  2. Idratarsi e/o integrare con qualcosa di veloce (il ristoro finale da pezzato marcio va benissimo, lì puzzare è lecito)
  3. Andare in bagno e farsi una doccia post allenamento come si deve. Basta aprire l’acqua ed andare sotto. Usare spugna, bagnoschiuma e togliersi il sudore o sporco di dosso.
  4. Se si è in gara moltissime volte è presente un luogo per le docce. In caso disperato esistono fontanelle, bagni di bar o centri commerciali. Fidatevi di me i posti si trovano. Pur di lavarmi a fine allenamento mi sono lavato nei posti più assurdi.
  5. Rivestirsi con ABITI PULITI e non gli stessi con cui si ha fatto l’allenamento. Mi sembra un punto inutile, ma non voglio dare nulla per scontato.

Ora che vi siete fatti finalmente la doccia post allenamento potete tornare alla vostra vita civile come ad esempio andare al bar, vedersi con gli amici, uscire a pranzo oppure cena e moltissime altre cose non legate al mondo della corsa.

Doccia Post Allenamento: il lato oscuro & Disgustoso …

Doccia Post Allenamento: il lato oscuroIl lato oscuro & disgustoso nel non farsi una doccia post allenamento è noto a tutti, soprattutto a chi non gareggia e/o pratica sport.

Partiamo dal presupposto che in Italia se non pratichi lo sport del calcio sei uno sfigato e vieni visto con più inutilmente di una camera d’aria bucata da buttare.

Detto questo cerchiamo di darci un contegno ed almeno essere delle persone civili facendo questa benedetta doccia post allenamento.

Non ha senso dare fastidio a tutti quanti per mostrare che ci siamo allenati. Ho visto gente fare palestra o correre che finito l’allenamento si sono messi direttamente gli abiti da ufficio e sono tornati al lavoro.

Oppure gente che si allena con amici la sera e poi va direttamente in pizzeria a cena. Nulla te lo vieta, ma almeno cerca una pizzeria con un bagno dove puoi darti una prima ripulita sopratutto per la questione olfattiva. Fidatevi, esistono e diventerete anche amici dei gestori. Io per anni ho “frequentato” un bar facendo partire e finire i miei allenamenti lì per via del bagno dove lavarmi.

Doccia Post Allenamento: conclusione finale

Pratico sport da ani, ma l’igiene e pulizia post corsa prima di tutto. Se so di non potere lavarmi dopo un allenamento prendo e vado direttamente a casa. Ricordatevi il cambio di vestiti in ogni caso. Tenere la roba sudata addosso (soprattutto in inverno) non è bello.

Ho finito con le mie storielle da doccia post allenamento.  Sappiate -per la cronaca-  che ho messo il paperotto come immagine per incentivare i ricordi di vasche da bagno piene d’acqua dove lavarsi mentre si gioca coi paperotti. Ho evitato l’immagine di una ragazza sporca di fango (anche se sicuramente più piacevole) perché sicuramente avrebbe dato il via ad altre fantasie distraendo dal messaggio di base del post: BISOGNA LAVARSI!