Tartufo Trail 2016: la rivincita ed una riscossa

Tartufo Trail 2016 – Premesse passate ed attuali

Tartufo Trail 2016 - PettoraleIeri -in quel di Calestano- si è svolta la nova edizione del Tartufo Trail  e dopo due anni sono tornato a partecipare sulla distanza da 28km.

Iscrivermi a questa manifestazione non è stato facile come credevo.

Voleva dire rimettere in giorno me stesso su parecchi punti e rivangare una parte del mio passato e del presente.

Dalla corsa del 2014 -la mia unica partecipazione- non ho per nulla un bel ricordo. Non per la manifestazione, ma per avvenimenti miei.

La situazione di partenza con l’umore non dei migliori, un dolore al ginocchio dopo pochi chilometri e ricorderò sempre l’avvenimento più tragico di quella giornata: rientrando a casa mi morì la mia auto dopo anni di onorato servizio.

Per quanto riguarda il 2016 sappiamo tutti come è andato questo anno. Si contano sulle dita della mano due ritiri grossi in montagna, pochi chilometri e problemi vari.

Ora il tutto per me significa rimettermi in gioco anche su distanze brevi con ritmo da distanze lunghe.

Tartufo Trail 2016 – La corsa

Tartufo Trail 2016 - DiscesaUna 28Km con un dislivello dichiarato poco superiore ai 1200 (a me risulta 1400 e qualcosa, a voi?) è di per se una gara abbastanza corribile soprattuto viste le discese ed il percorso sali e scendi continui.

Dal 2014 non mi ricordavo grossi passaggi difficili e/o impegnativi. Ricordavo solo tanto fango e fatica per via del ginocchio molto dolorante.

Per scelta non ho sfruttato questo terreno ed ho tenuto un ritmo da camminata veloce in salita evitando di correre. Non volevo spremere troppo il mio fisico in questo momento.

Il tracciato è semplice nella mia memoria: tre salite leggere, una più lunga e poi un discesa lunga e facile. Sarà realmente così? Si, alla fine  me lo ricordavo bene.

Il “Tartufo Trail 2016” è stata una corsa strana e suggestiva.  Delle nubi basse oscuravano il paesaggio e si vedeva a tratti il sentiero. Della pioggia (leggera) ha dato una lavata sia a noi che al terreno facendoci spostare delle zolle di fango sotto le scarpe. Dell’aria ha abbassato la temperatura e spero di non soffrirne alla gola non avendo avuto il buff con me. Ma il sole? Si, lui è uscito nel discesone finale. Mi ha fatto patire un caldo allucinante sotto la mantellina, ma non vedevo motivi per cui fermarmi a toglierla.

Tartufo Trail 2016 – L’ultima discesa

Dopo una gara a passo veloce e dei tratti di corsa leggera finalmente è arrivata la discesa finale. Me la ricordavo lunga e divertente. Ammetto che durante le prime tre discese non mi sentivo sicuro come piace a me. L’ho capito subito dalla postura che assumevo. Non è una corsa sciolta e spontanea come deve essere. I timori erano diversi. Una discesa può fare male se non corsa giusta.

Partono i primi passi di discesa e le gambe mi dicono di lasciarle andare. Ma sino a che punto? Non ho idea. Lascio a loro la completa autogestione. La discesa è facile, molto facile e sento che tutto gira in armonia. La concentrazione è alta lo ammetto. Sbagliare in quel momento significava farmi male in abbondanza ed a lungo termine.

Non riesco a quantificare la mia velocità, ma vivo un terreno che si sposta rapidamente e soprattutto vedo le persone davanti avvicinarsi in un attimo e poi passarle. Il mio pensiero primario era la massima attenzione sopratutto per i camminatori della 17Km.

Mi sono fatto prendere e mi mancava davvero tanto vivere l’adrenalina e la paura (=eccitazione che tieni vigili ed attenti, non terrore) da discesa  per diversi chilometri. Fortunatamente tutto il versante era al sole e questo ha reso il tutto più semplice per via dell’alta visibilità.

Ad un certo punto mi sono trovato poco sopra il paese di Calestano. Sono già qua? Mancava meno di un chilometro al traguardo quando con le gambe a piene regime ho visto davanti a me un ragazzo. Non era più discesa, li bisognava correre e gestirsi bene in un boschetto. Gli ho chiesto strada perché più veloce. Mentre lo supero ringrazio ed esclamo: chissà quanto reggo ancora!

Tartufo Trail 2016 – Il Finale

Tartufo Trail 2016 FinisherArrivo e leggo il cartello 500 metri. Ultimo colpo basso degli organizzatori: una salita corta attorno ad casa e poi si arriva.  Giro attorno alla casa e mi lancio a correre con tutto quello che mi è rimasto in corpo. Stando alla mia memoria mi sarei aspettato il traguardo. Ed invece? Strada e poi l’ultimo tratto di salita lieve con davanti il traguardo. In effetti nel 2014 non era presente questo tratto, per quello non lo ricordavo.

Ecco spiegato il post di ieri sui miei profili social personali

E poi c’è l’ultima discesa del #tartufotrail che ti cambia la giornata! #finisher : con calma, ma arrivo #passocapponi style

Una discesa che per me non è stata solamente una discesa. E’ stata una rivincita ed una riscossa su buona parte delle cose che mi sono successe in questi ultimi mesi.

Ricordo solamente un 3h25m al ristoro (22K) e poi ho visto un 3h53m al traguardo.

Non posso prendermi il merito per quanto successo, ma so a chi riconoscerne buona parte. Grazie 🙂

Nota finale

Questa mattina ho scritto un messaggio a Marco Zanchi e lo riporto integralmente

Ieri finalmente sono riuscito a testare le Mutant che mi hai risuolato x il GTO come si deve. Complimenti per l’ottimo lavoro. Nel mio piccolo sono riuscito a fare la differenza nella discesa finale per l’ottima tenuta anche a buon passo.grazie mille ed a presto … Andrea 🙂

E’ la verità. Se ieri ho potuto lasciarmi andare in discesa lo devo anche alle mie scarpe. Ho piena fiducia in loro e so benissimo di potere fare affidamento quando serve. Ieri è stato uno di quei momenti. Ci saranno sorprese in futuro? Non ho idea sinceramente, ma non resta che restare sintonizzati.

Adesso si torna a sassare un passo alla volta.

Link di approfondimento

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi