Centoventuno minuti e tutto prende forma

Centoventuno-Minuti-Pre-Passatore-2016Centoventuno minuti e tutto prende forma nella propria mente.

Ho appena portato a casa l’ultimo “carico” in vista della 100Km del Passatore di questo sabato.

Centoventuno minuti di vuoto mentale tra asfalto e boschi.

Una di quelle corse che una volta conclusa decidi di non scaricare subito perchè numericamente non ti interessa.

Centoventuno minuti che sai di avere fatto (=vissuto) bene con te stesso sia a livello di gambe, di fisico e soprattutto di testa.

Un pensiero simile a quello avuto lo scorso anno dopo l’ultimo carico. Finito l’allenamento ho scritto su Facebook il seguente post:

ci sono allenamenti che è quasi un peccato ” valutare numericamente ” come quello di oggi! Ho chiesto tanto al mio fisico in quei 30 minuti di salita e lui è stato al gioco dandomi la possibilità di stare in scia ad un gruppetto in bici da corsa! Il motore ormai ha veramente un buon livello inaspettato e siamo a meno 14 dalla 100km del Passatore! Un ” sospetto ” sul perché abbia corso così bene oggi l’ho … però nulla toglie un GRAZIE all’amico Enrico Vedilei per ciò che ha fatto!

Centoventuno minuti  che ti hanno portato a vivere proprio le stesse sensazioni anche se in un allenamento molto diverso.

201505-100KmPassatoreOra mi trovo a pochissimi giorni dalla partenza da Firenze.  Ripenso e confronto lo stato d’animo attuale e quello della volta precedente. Sono cambiato tanto e questo lo riconosco.

Ho abbandonato “l’arroganza dello stradista” preparato per lasciare spazio quasi esclusivamente alle sensazioni. Non ho idea di come andrà e di quanto impiegherò. Nemmeno ho fatto una stima o una previsione.

Lo scorso anno -solo sulla base di numeri in allenamento e calcoli miei- avevo fatto una stima ben precisa dei passaggi al passatore. Quel “foglio di carta nella mia mente” l’ho dovuto strappare nel momento in cui sono stato male la prima volta. Sabato farò il contrario, partirò con un foglietto bianco e lo scriverò un passo alla volta.

Centoventuno minuti   in cui ho capito che ci sono e sto bene non solamente dal punto di vista fisico. Perché lo (ri)faccio? Oltre alla questione “fantasmi del passato” ed il bisogno di un lungo in vista della LUT credo sia opportuno capire quale delle due gelaterie che conosco a Faenza sia la migliore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi