BvG TRAIL: la mia sfida contro il sole

BvG TRAIL PaesaggioBvG TRAIL: la mia sfida contro il sole è stata vinta. A dire il vero non voglio copiare l’idea ed il motto ad un noto marchio sportivo.

La mia “sfida” era di finire il BvG TRAIL tra le 13 – 14h in modo da sfruttare il più possibile la luce solare e ridurre l’uso della frontale.

Dopo questa premessa introduttiva non ho voglia di narrare il BvG TRAIL in ogni attimo. Voglio raccontare altro.

Ogni Ultra ti cambia e ti permette di compiere un viaggio. In questo viaggio ti trovi a subire cambiamenti e mutamenti. Non lo sai quando parti e nemmeno ti rendi conto quali sono. Sai solo che sei cambiato. In certi momenti o attimi fuggenti dove ti trovi a sentire le tue scarpe scivolare sui sassi ad una buona velocità capisci quali sono le priorità nella tua vita. Capisci quello che vorresti in quel momento e cosa è del tutto inutile. Capisci molte cose ed altre le lasci lungo il sentiero perché non ti servono più. Le lasci per lasciare il posto ad altro.

Il BvG TRAIL è un viaggio lungo da 73.5Km con 4350D+ che ti scava dentro e non ti lascia respiro. Non puoi prenderlo in confidenza, non puoi sottovalutarlo e devi rispettarlo sino in fondo. Hai dei passaggi tecnici, impegnati e paesaggisticamente stupendi. Non è una sfida per tutti. Non è una sfida per chi ha la capacità di muoversi in montagna senza paura e pensieri.

Sono veramente felice di avere condiviso buona parte di questo viaggio con un mio amico. Purtroppo la discesa che portava al ristoro del 51° mi ha segato le gambe ed in salita non riuscivo più ad andare come prima. Fortunatamente in discesa e nei falsi piani riuscivo a sentirle ancora in forma ed ho limitato i danni.

Si, sono finisher al BVG Trail. E’ stato un risultato inaspettato. Sotto le 13h chiuso con le gambe che mi si sono scelte nell’ultima discesa dove sono riuscito a correrla bene. Anche in piano andavo via bello veloce e senza affanno. Sono soddisfazioni e lo ammetto.

BVG TRAIL FINISHER!!!!! Gara bellissima e veramente dura … Nonostante sia saltato al 50 (su 75) chiudo meglio del previsto! Le discese? Spero niente autovelox … SONO A MILLE! Poi ho corso anche un pezzo ( 100 metri o meno ) con la mitica Lisa Borzani.

Un viaggio lungo 12h40m lungo le quali sono cambiato parecchio e mi sento una persona diversa e forse migliore. Non so quali siano i cambiamenti. Lascerò spazio al tempo per svelarle se vorrà. Uscivo dal “Ultrabericus DNF” ed ero preoccupato di non reggere una distanza così impegnativa.  Ieri sera ero felicissimo una volta portata giunto al traguardo. Nonostante tutto quanto a mio avviso è stato molto più facile il BvG Trail dell’Ultrabericus senza contare quello che mi hanno trasmesso le due gare.

Ed ora? Pronto alla prossima sfida. Non vedo l’ora di cimentarmi in un nuovo ultra trail per confrontarmi con me stesso. La montagna mi regala sempre più soddisfazioni. Riesco a muovermi molto più facilmente e spensierato. Ho ancora un grosso punto debole: le pietre & pietraie. Ieri ho pagato questa mia lacuna da colmare.

Buona serata a tutti.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi