[Running] Noi restiamo a nanna

Il momento di gloria e di meritato dopo la gara di domenica è finito martedì mattina quando è suonata la sveglia per andare a correre.

La mia mente non riesce a convincersi che ormai siamo in inverno e tutte le volte che preparo l’abbigliamento per correre i pantaloncini corti sono sempre presenti.

Martedì mattina tutto bene e le gambe giravano molto meglio del previsto. I primi chilometri sono stati più difficili perchè sentivo le gambe che dovevano riprendersi da domenica. Tutto sommato è andato tutto per il meglio ed anche come temperatura non mi sono potuto lamentare.

Mercoledì invee sono uscito la sera per una serie di questione. Sentivo la temperatura più fresca e le gambe strane, ma non ho fatto pensieri o altro. Ho pensato fosse un bene così potevo andare a ritmo lento e recuperare al meglio le gambe.

La situazione da panico è stata questa mattina quando uscito di casa sento il freddo molto più pungente del solo. Non riuscivo a scaldarmi e le gambe sembravano non prendere temperatura. Sono stato costretto ad andare tranquillo per quasi tutto l’allenamento perchè spingere poteva dire fare danni ed è l’ultima cosa che voglio in questo momento.  Mentre correvo il paese era deserto. Una serie di macchine coi vetri veramente ghiacciati ed i prati bianchi come non mai. Speravo di trovare qualche “amico pinguino” in giro per la strada ed invece no. Credo proprio che loro siano rimasti a nanna al caldo.

Arrivo sotto casa e vedo mio papà andare via in macchina. Mi informa che la temperatura è più bassa di circa 6° rispetto ai giorni precedenti e che la macchina appena tolta dal box segnala due gradi. Lo guardo e gli dico che se corre per 30 minuti circa in pantaloncini corti si rende conto che non ci sono due gradi fuori.

Dopo esserci salutato mi guardo le gambe convinto di trovarle rosse dal freddo. La convinzione è morta subito perchè ho visto che i peli delle gambe (devo farmi una ceretta … uff … non ho tempo) erano tutti bianchi e ricoperti di brina.

Cosa dire?

  • Seguo il consiglio dei pinguini: la mattina dormo e corro la sera?
  • Comincio a pensare di correre in pantaloni lunghi?

Ad ogni modo io continuo a sognare … perchè il prossimo anno sarà veramente UN SOGNO!!! 🙂

Andrea

Andrea -di mestiere programmatore- ha trovato nello sport di resistenza la sua passione che lo rende vivo. Ha intrapreso varie discipline tutte basate sull'endurance (Maratone, Ultra, Trail ed Ironman) perchè alla fine quello che conta di più per lui è divertirsi e stare bene. Trova il tempo per fare anche dell'altro? Certamente: ascolta tantissimo Rock e la sera si riposa giocando online a World Of Warcraft. Ogni tanto legge anche per staccare la mente e portarla in altri contesti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi