[Running] Non mi lasciare, ti prego!

Ti supplico … non mi lasciare proprio adesso! Siamo quasi a metà della preparazione della Dublin Marathon …. è un momento molto particolare … anche per il portafoglio … quindi se proprio hai deciso di lasciarmi … aspetta fine anno!

Questa mattina sono uscito a correre come al solito ed ho notato sin da subito che il mio ForeRunner 305 dava segni di squlibrio.

Quando per lui la ricezione segnale era buona ero fermo e mi diceva che mi muovevo ad 1:45/km e direi che non è male.

Ho guardato la precisione ed era più o meno ottanta metri. Spento e riacceso ha preso i satelliti con una precisione decente (8 metri) e così sono partito.

Ovviamente questa mattina ero anche in ritardo ed il fatto che non venivano presi i satelliti al volo non era buono per me.

Il primo chilometro non finiva mai nonostante il passo fosse buono si da subito. Guardo e mi diceva che viaggiavo poco sotto i 5/km e questo era impossibile perchè conosco le mie gambe.

Quando è arrivato il secondo beep ho visto un numero più decente col “dettaglio” che il ritmo non era cambiato rispetto a prima.

Numeri a parte sul garmin ero veramente contento perchè questa mattina si riusciva a respirare bene.  Mi sentivo bene, dico davvero. In totale relax e senza nemmeno sentire i battiti del mio cuore. Cosa posso chiedere di meglio?

Arrivo a casa e guardo la media. Ci sono rimasto male, sinceramente credevo meglio. Spengo tutto e vado al lavoro.

Questa sera guardo e cosa scopro? Giudicate voi dal grafico che vi allego, perchè questa è veramente bella!

  1. Solo guardando la miniatura ad inizio post si vede che il “profilo altimetrico” è tutto sballato, ma questo è un dettaglio
  2. Nonostante non vi sia stato un cambio di ritmo nei primi 2km la differenza è notevole
  3. Vorrei fare notare come si corre bene con più di 200 battiti! Non è male? poi si rallenta e si torna alla normalità. 
Questa sera ho provato a fare un aggiornamento software tramite “Garmin WebUpdate” e speriamo in bene. 
Dalla prossima uscita proverò a mettere la registrazione “secondo per secondo” e vediamo cosa succede. Sono proprio curioso. 
Voi avete avuto esperienze simili? Le avete risolte al meglio … vero? Come? 🙂

Andrea

Andrea -di mestiere programmatore- ha trovato nello sport di resistenza la sua passione che lo rende vivo. Ha intrapreso varie discipline tutte basate sull'endurance (Maratone, Ultra, Trail ed Ironman) perchè alla fine quello che conta di più per lui è divertirsi e stare bene. Trova il tempo per fare anche dell'altro? Certamente: ascolta tantissimo Rock e la sera si riposa giocando online a World Of Warcraft. Ogni tanto legge anche per staccare la mente e portarla in altri contesti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi