[Riflessione] Una vita da sportivo

Ogni tanto il mio neurone comincia a pensare a qualche cosa di nuovo. Poi, quando la situazione si complica, rimanda il tutto perchè potrebbe richiedere troppo impegno. Questa volta invece non è così. Ho una pulce nell’orecchio da quasi un mese e continua a ronzare senza tregua. Andiamo per passi che vi racconto tutto quanto.

Ero fuori con amici ed ho chiesto notizie su un loro amico ed è uscito che ormai il suo lavoro è diventata la sua passione sportiva. Ottimo, sono veramente contento per lui. Il problema è che ho cominciato a pensarci pure io.

L’idea mi lascia davanti un bivio. Con lo sport riesco a stare veramente bene con me stesso e sono sempre più felice di farlo mettendoci anima e corpo. Di che bivio parlo? Semplice, mi chiedo se riuscirei a stare ancora così bene se diventasse un lavoro.

Ogni tanto e spesso ci penso. Riuscirei a girare (magari il mondo) correndo o facendo quello che più mi piace. Passare una vita tra sudore, emozioni e delusioni credo sia veramente impagabile. Provo davvero una profonda invidia (positiva ovviamente) nei confronti di chi è riuscito a prendere questa via. Alla fine, pensandoci bene, non chiedo molto … vero? O anche uno “sponsor personale” per ripagare le piccole spese indispensabili tipo scarpe da corsa, muta per il nuoto, abbigliamento corroso dal sudore. Che bella vita sarebbe … davvero fortunato chi ci è riuscito!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi